partners ottimizzare rete distribuzione

3 tipi di partner con cui dovresti lavorare per ottimizzare la tua rete di distribuzione

Redatto da M. Giulia Biagiotti on gen 4, 2017

Questo articolo è stato scritto originariamente da Nicole Kow.
 
L'industria del turismo e viaggi è ricca di opportunità per creare una rete di distribuzione efficace ed ottimizzata, tra le quali, diventare partner di altre imprese del settore. Ma con chi sarebbe ottimale stringere partnership? Con un pizzico di pensiero strategico e i nostri consigli, sarai in grado di scegliere i migliori partner per migliorare il tuo business. 
 
Tipicamente, gli agenti di vendita migliori e più affidabili consistono nelle DMO - Destination Management Organizations -, altri tour operator e activity providers partner, e gli ostelli e piccoli hotel.  Per te i nostri consigli su come lavorare con loro e come attivare un flusso di prenotazioni continuato nel tempo.
1. DMO
 
Le Organizzazioni di Gestione delle Destinazioni, o "Destination management organisations",  si comportano in maniera molto simile alle grandi compagnie del settore dei tour e delle attività. Non soltanto sono responsabili del marketing della tua destinazione e della sua promozione in tutto il mondo, ma ricevono anche ingenti investimenti (spesso europei) per farlo.
 
Il vantaggio fondamentale di lavorare con le DMO si trova nella visibilità aumentata che otterrai, che crescerà esponenzialmente. Infatti, è proprio nel loro interesse vedere tour e attività da fare nella meta turistica, per cui ti promuoveranno nel miglior modo possibile. Attenzione però: essendo coinvolta una gran quantità di investimenti, le DMO potrebbero tendere ad essere esigenti e selettive al momento di scegliere i propri partner e un semplice scambio di servizi potrebbe non essere sufficiente. 
 
Per attivare un contratto di rivendita, dovrai incentivarle usando dei pacchetti turistici con delle compensazioni di qualche tipo (che potrebbero essere attivate direttamente dal tuo account TrekkSoft, se sei già cliente). Poiché le DMOs lavorano anche con numerose imprese del settore dei tour e attività, dovrai dimostrare che la tua impresa offre un servizio e prodotti affidabili e di consistente qualità. 
partner tour operator
 
2. Altri tour operator e gestori di attività 
 
Stringere partnership con altri tour operator e gestori di attività può essere un'ottima opzione per attivare la rivendita incrociata dei vostri prodotti e servizi. Un criterio di base che puoi ragionevolmente usare per capire l'affidabilità e la professionalità di un'impresa è dare un'occhiata al sito web ma anche soprattutto alle recensioni online su di essa. Proprio come i tuoi clienti, anche tu hai accesso alle stesse informazioni per valutare i tuoi potenziali partner.
 
Quando ti poni in contatto con imprese che offrono tour e attività nella meta turistica a cui stai mirando, cerca di mantenere le differenze tra le vostre attività per dimostrare come diventare partners sarà di grande valore per entrambi i vostri affari. A seconda di chi avrai prescelto, potrai attivarti per un approccio di commissioni fisse o percentuali per creare il giusto incentivo a lavorare con te.
 
In molti casi, il classico modello "Aiutami che ti aiuto" funziona benissimo. Per esempio, potresti dare loro visibilità sul tuo sito web e loro potrebbero fare lo stesso per te.
ostelli partner turismo 
 
3. Ostelli e piccoli hotel
 
Al momento di considerare potenziali rivenditori, dovresti pensare sempre al tuo pubblico target. Gli ostelli possono rivelarsi partner efficaci proprio perché i loro clienti sono sempre alla ricerca di "cose da fare" durante la loro permanenza. Tuttavia, non essendo tour e attività il loro core business, potrebbe volerci un poco di impegno in più a convincerli a promuovere i tuoi prodotti e servizi turistici. 

Anche qui, il giusto mix di compensazioni, commissioni o scambi di servizi potrebbe giocare a tuo favore.
 
Infine, potresti anche considerare di lavorare con operatori che si appoggiano a Airbnb o anche alle guide locali su Google trips.
 
 
Come convincere i tuoi potenziali partner: il tuo "first pitch"
 
Una volta in mente la lista dei tuoi partner potenziali nel settore del turismo e viaggi, è tempo di pensare a come fare la prima mossa. Prima di tutto, ricorda che il tuo approccio nel creare relazioni di lavoro con i diversi partner potenziali dipende dal loro core business.  La domanda da porti quindi sarà: come creare valore per i loro prodotti e servizi attraverso i tuoi? Prepara il tuo "pitch" - o "discorso" - in modo tale da mostrare il valore che la collaborazione con te porterà loro prima ancora di approcciarli.
 
Come da libri di scuola, la tradizionale telefonata può tranquillamente funzionare per un primo approccio: una chiamata non solo ti permette di essere più personale ma anche di dimostrare la serietà delle tue intenzioni e la tua professionalità. Con una breve introduzione su te stesso e sulla tua impresa, parlagli dei benefici diretti di una collaborazione con te. Cerca di mantenere il tuo discorso sintetico: una volta assicurato un primo interesse potrai sempre dilungarti nei dettagli in un secondo momento.
 
Infine, non dimenticare l'importanza di mantenere e curare le tue relazioni di lavoro per renderle solide e di lungo periodo, controllando periodicamente la soddisfazione dei tuoi partner.
 
 
Ti sono stati utili i nostri consigli? Perché non condividerlo con i tuoi collaboratori!
  

Stabilire le giuste partnership è fondamentale per sviluppare la tua impresa, ma ancora più importante è poter gestire efficaciementente ed efficientemente la rivendita dei tuoi servizi.


Con TrekkSoft, potrai gestire Agenti e Partner locali in tutta semplicità!

New Call-to-action

M. Giulia Biagiotti

Written by M. Giulia Biagiotti

Thanks to an international professional work experience in Paris, Dublin, Valencia and Interlaken in Marketing and Sales, Giulia is specialised in Digital Marketing and Inbound Strategy approach, from SEO optimization to content creation to social media management. Giulia is also our former Italian Content Manager at TrekkSoft. Reach out to her on social media to say hi!

Argomenti: Business advice

   

Cerca nel blog

New Call-to-action