dic 10, 2018 |

9 trend che guideranno il settore del turismo e viaggi nel 2019

Questo è un estratto del Travel Trends Report 2019 che è ora disponibile per il download.

Per i tour operator e i fornitori di attività a destinazione non è semplice individuare i trend di settore e i dati statistici più rilevanti, a meno di lunghe ricerche nel fitto mondo delle news online. In questa sezione abbiamo unito i risultati del nostro sondaggio, il Travel Survey 2018, alle news degli articoli delle testate di settore più importanti, per offrirti tutto quello di cui hai bisogno in un capitolo più che completo.

1. Prenotazioni last-minute

Secondo quanto emerso dal Tourism Survey 2018, il 39% dei partecipanti ha indicato le prenotazioni last-minute come un trend abbastanza comune. Secondo i dati sulle prenotazioni registrate via TrekkSoft, tour e attività che durano da 1 a 3 ore tendono a essere prenotate in loco o appena prima dell’arrivo. I tour e le attività multi-day, tuttavia, tendono ad essere prenotati in anticipo o appena prima di arrivare a destinazione.

Le prenotazioni avvengono con circa 13 giorni di anticipo. Se effettuate da dispositivi mobili, si arriva a prenotare anche con 5 giorni di anticipo. 

Dati TrekkSoft, 2018

Questa tendenza non semplifica di certo l’organizzazione delle risorse e dello staff agli operatori, soprattutto quelli la cui attività dipende dalle condizioni meteorologiche della giornata. Solide attività di marketing, partnerships locali e informazioni sui posti disponibili in tempo reale saranno gli strumenti chiave per rispondere efficacemente a questo tipo di domanda.

 

2. Tour e attività multi-day

I tour e le attività multi-day tendono ad essere prenotate con più anticipo e i viaggiatori le preferiscono rispetto alle attività giornaliere: per i viaggiatori di questo tipo la convenienza si misura in termini di risparmio del tempo che si impiegherebbe nella pianificazione delle singole attività.

 

3. Arrivi da nuovi mercati

Dai dati emersi dal Tourism Survey 2018, il 22% dei partecipanti ha notato un aumento considerevole nel numero di visitatori che provengono da nuove destinazioni. Non sorprende che si tratti prevalentemente di viaggiatori provenienti dalla Cina, uno dei mercati top per spesa turistica in viaggio. Altri mercati incoming interessanti secondo il sondaggio sono gli Stati Uniti, l'America Latina e la Spagna.

4. Esperienze uniche e irripetibili

I tour operators ricevono un numero crescente di richieste di esperienze uniche da parte dei viaggiatori che vogliono fare un’attività di quelle che si fanno “soltanto una volta nella vita”. Un trend decisamente più comune tra i Millennials che vogliono esplorare il mondo e condividere le loro storie con gli altri.

Tutti i post
Pubblicato da M. Giulia Biagiotti | nov 5, 2018 | | 4 minuti di lettura

Come creare una descrizione dei tour che vende

Traduzione e adattamento dell'articolo originale redatto da Stephanie Kutschera. 

Mettiamo che tu sia un tour operator e che offri esperienze di volo in parapendio agli appassionati di tutto il mondo; che la sede della tua attività sia in una città ben nota per questo tipo di attività e che ci siano altre tre imprese con la stessa offerta di servizi. Tu sai perfettamente cosa rende speciale l'esperienza di volo in parapendio con la tua impresa ma come trasmettere questa differenziazione ai potenziali clienti?

La maggior parte dei viaggiatori non conosce il tuo brand, e se anche fosse, non è detto che si rivolgerà a te per vivere le esperienze che desiderano fare. Probabilmente cercheranno online tutte le opzioni a disposizione e finiranno per confrontare la tua offerta con quella dei tuoi concorrenti. Ed è in questo momento che entra in gioco la pagina di descrizione dei tuoi tour e esperienze quale strumento di differenziazione.

La descrizione dei tour: di che si tratta?

Si tratta di tutti quei contenuti che vengono creati appositamente per spiegare i dettagli dell'esperienza che offri, comprendendo i suoi punti di forza e gli elementi unicità. Lo scopo della descrizione è proprio quella di fornire ai potenziali clienti tutti i dettagli importanti riguardo l'attività che ci si presta a prenotare e deve essere realizzata in modo tale da invogliare sempre la prenotazione o l'acquisto del biglietto.

Ecco sei modi facili facili per creare una descrizione che si vende da sé:

1. Punta sulle foto

Nell'era digitale, le foto sono la chiave per creare un primo istante di coinvolgimento nel tour, esperienze e attività che si vuole promuovere. Non si tratta di uno strumento adibito soltanto all'attrazione degli utenti verso il tuo sito web: le foto sono a tutti gli effetti un elemento di differenziazione rispetto ai concorrenti. La foto che vorrai scegliere dovrà essere suggestiva, unica e dovrà indurre un senso di curiosità in chi la vede che lo/la porti a volerne sapere di più.

Guarda le foto e gli altri materiali visuali che stanno utilizzando i tuoi competitors e cerca qualcosa che faccia davvero la differenza. Un piccolo trucco: prova ad alternare le immagini principali per capire quale crea maggior coinvolgimento.

Scarica La guida definitiva alla fotografia per imprese turistiche 

kiki-siepel-583489-unsplash

Avere tra le 5 e le 10 foto ad alta qualità dovrebbe essere sufficiene per mostrare il lato migliore dell'esperienza che offri, cosa vedranno i clienti, dove andranno, quanto si potranno divertire. E se lo stai chiedendo, sì: vale assolutamente la pena investire in un fotografo professionista per creare scatti che faranno la differenza nel processo decisionale d'acquisto. Potrai riutilizzare le stesse immagini anche sul tuo sito web e social media, così da ammortizzarne ulteriormente il costo.

2. Usa un titolo fortemente descrittivo

Proabilmente la concorrenza avrà già chiamato l'esperienza offerta con parole quali "Parapendio (+ Regione/Città)", utilizzato anche come titolo dei contenuti collegati; ed è qui che entri in gioco tu. Cosa rende la tua offerta speciale rispetto a quella degli altri? Nel titolo dovrai inserire tutti quegli elementi che rendono l'attività svolta con te unica e irripetibile. Potresti utilizzare parole ed espressioni quali "esclusivo" o "priority access" o "con guida turistica locale", etc.

L'esperienza che organizzi include anche uno spostamento in auto? Offri una degustazione di vini o di prelibatezze locali al termine dell'esperienza? In tal caso, potrebbero essere questi gli elementi che vuoi inserire nel titolo. Ricorda, tuttavia, di cercare un titolo sintetico ma allo stesso tempo accattivante.

3. Chi è il tuo cliente ideale?

La descrizione dell'esperienza che offri dovrà essere al 100% in linea con il profilo del tuo cliente ideale; avere a portata di mano la descrizione del tuo cliente ideale (o come lo si definisce nei termini tecnici, "buyer persona") farà davvero la differenza nel tuo modo di promuovere il tuo tour operator. Continua a leggere: Come capire i tuoi clienti creando le "buyer personas"

Le Buyer personas (denominate anche marketing personas) sono rappresentazioni fittizie e generalizzate del tuo cliente ideale. Le "personas" ci auitano a comprendere più da vicino il cliente ideale che stiamo cercando di attrarre - sia dal punto di vista del marketing, sia delle vendite, sia del prodotto e servizi - senza tuttavia dimenticare che si trattano di persone reali. Una comprensione approfondita delle tue buyer persona(s) è fondamentale per la creazione dei contenuti, lo sviluppo del prodotto, l'interazione dei commerciali e tutte le altre attività collegate alla customer acquisition e retention (HubSpot)

Una volta identificata la buyer persona su cui vuoi puntare, potrai selezionare le strategie distributive migliori per raggiungerla. Allo stesso modo la descrizione dei tuoi tour, attività e esperienze nonché gli altri contenuti e immagini dovranno rispecchiare le preferenze del tuo pubblico target, dal tono di voce alla lunghezza dei testi, etc. Analizza i dati legati alle prenotazioni e vendite precedenti, chiedi un feedback ai clienti attuali che rispecchiano la tua "persona" per cominciare. Va da sé che se stai puntando a un target internazionale, dovrai richiedere la traduzione dei tuoi contenuti da parte di un professionista. 

toa-heftiba-724123-unsplash

4. Cosa rende unico il tuo tour?

I contenuti che descrivono l'attività offerta devono ruotare intorno ad un punto fondamentale: cosa la rende un'esperienza unica? Se l'utente cerca "Parapendio a Interlaken", avrà già in mente l'attività che vuole realizzare ed è qui che dovrai dare il meglio utilizzando una presentazione differenziante. Descrivi come sarà l'esperienza insieme al tuo team, perché dovrebbero prenotare con te invece che con altri tour operator? Ad esempio, si sente spesso dire "Se vuoi fare parapendio, devi assolutamente provare a Interlaken": questo è un messaggio che funziona. Quale può essere il tuo?

Ricordati sempre di includere nei testi le parole chiave che gli utenti utilizzeranno per trovare l'attività che offri: così sarà più semplice ritrovare online la tua attività e attrarre più traffico verso la pagina dedicata al tuo tour.  Potresti utilizzare strumenti come KeywordTool per creare una prima lista delle parole chiave e espressioni da poter utilizzare.

Infine, un consiglio forse banale ma non troppo, non dimenticare di controllare la grammatica dei testi e eventuali errori di battitura, cosa che puoi fare anche con strumenti online gratuiti come grammarly.com per l'inglese ad esempio; l'importante è che prima essere online, i tuoi contenuti siano impeccabili.

5. La descrizione può essere letta velocemente a colpo d'occhio?

Di solito chi cerca qualcosa da fare a destinazione mette a confronto dalle 5 alle 10 diverse esperienze disponibili in zona e per farlo, utilizzerà molto probabilmente un cellulare. Per rendere la consultazione veloce e sintetica, dovrai pensare a creare dei contenuti facili da leggere "a colpo d'occhio", così da rendere più facile e veloce la lettura. Per farlo, potresti utilizzare degli elenchi puntati o icone per dare risalto agli elementi fondamentali che ti distinguono dalla concorrenza e poi fornire maggiori informazioni nelle descrizione completa.

Ecco un esempio applicabile da un tour operator che offre esperienze come il parapendio: 

  • 20 minuti di gita panoramica in 4x4 tra le Alpi svizzere fino al punto di ritrovo per il volo
  • Presentazione dell'attività e delle norme di sicurezza insieme a Tim, pilota con oltre 15 anni di esperienza di volo
  • 30 minuti di parapendio in tandem sullo sfondo delle meravigliose Alpi Svizzere e il Lago Thun, con atterraggio ad Interlaken
  • 20 foto e video per mostrare a tutti che ce l'hai fatta
  • Birre a volontà per festeggiare quest'incredibile esperienza!

perry-grone-732606-unsplash

6. Cosa ci guadagni?

Come per ogni strategia di marketing che si rispetti, anche nel caso della landing page  e i contenuti creati per descrivere l'esperienza dovrai poterne analizzare i risultati. Puoi anche fare dei test e provare ad alternare foto diverse, un nuovo tono di voce nelle descrizioni, etc. Fai delle prove in un arco temporale che va dalle 6 alle 8 settimane e scegli la combinazione che da i migliori risultati. L'importante è dare sempre il meglio!

 

Crea contenuti unici per descrivere il tuo tour
con la nostra ultima guida:

New Call-to-action

Tutti i post
M. Giulia Biagiotti
Pubblicato da M. Giulia Biagiotti
Thanks to an international professional work experience in Paris, Dublin, Valencia and Interlaken in Marketing and Sales, Giulia is specialised in Digital Marketing and Inbound Strategy approach, from SEO optimization to content creation to social media management. Giulia is also our former Italian Content Manager at TrekkSoft. Reach out to her on social media to say hi!
Chiedi una Demo
VAI ALL'ACADEMY
New call-to-action